Acquista con fiducia, trovi le migliori offerte!

Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per mostrati servizi in linea con le tue preferenze. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Per saperne di più sui cookie o per negarne il consenso clicca qui

La vera differenza di un sistema di allarme casa via filo e senza filo

La vera differenza di un sistema di allarme casa via filo e senza filo

La domanda che ci fanno più spesso è: "devo proteggere la mia abitazione, ma sono confuso e vorrei saperne di più sulla sicurezza di un sistema di allarme via filo ed uno senza filo..."

Le possibili risposte possono essere infinite, non c'è il sistema di allarme migliore di tutti, ma ognuno ha le sue caratteristiche che lo rende più o meno adatto a quel livello di protezione o tipologia di installazione. Ma partendo da tempi più remoti, un sistema di allarme via filo era considerato la soluzione senza dubbio più affidabile, ed anche oggi se possibile consigliamo di scegliere questa soluzione. Ma ci sono dei paletti da considerare, qualcosa che molto spesso è sottovalutato.
Se chiediamo ad installatori di allarme della vecchia guardia, senza dubbio ci diranno che un sistema di allarme cablato è senza dubbio migliore perché è immune a disturbi di radiofrequenza, proprio perché tutti i dispositivi sono collegati tra loro tramite cavo. E questo è vero.
Però, quel cavo che da ogni dispositivo arriva alla centrale è anche un collegamento che può essere sfruttato per mettere fuori uso la centrale. Proprio perché quel cavo porterà alimentazione (probabilmente) ed altri segnali che vanno dal dispositivo alla centrale.
Una delle ultime tendenze dei ladri, è quella di individuare un cavo di allarme, ad esempio quello di una sirena esterna o un sensore esterno, oppure ancora meglio il cavo che collega il lettore delle chiavi elettroniche posizionato vicino al campanello e che arriva dritto dritto alla centrale. Generalmente quel cavo è sul BUS di comunicazione della centrale e ci vuole davvero poco a mettere tutto fuori uso. No, non svelerò quì come si fa, per sicurezza, ma se ce lo chiedi ti possiamo spiegare come difenderti. Qualcuno potrà dire che esistono gli isolatori di bus, ed è vero, che possono salvarci in parte dal rischio.
Ma se invece individuiamo un cavo di un sensore di allarme esterno o della sirena? Allora li è davvero facile agire, purtroppo. E non serve mettere in corto i cavi, ci sono diverse strade per "bruciare" la centrale. Basta una sovratensione, neanche troppo alta, e neanche troppo precisa su determinati cavi specifici. Bastano 80-90V in continua, meglio ancora 220V in alternata, 2 spilli ed il gioco è fatto. Questo mette fuori uso immediatamente il sistema.

Non vogliamo in questo posto demonizzare i sistemi di allarme via filo, ma pensa solo se i collegamenti non avessero fili ma solo radiofrequenza?
Come potrebbe fare il ladro a mettere fuori uso la centrale?
Ovviamente, è necessario parlare di un sistema di allarme wireless davvero professionale, dove le codifiche di trasmissione sono robuste ed univoche, dove ogni dispositivo è bidirezionale ovvero è sia trasmettitore verso la centrale che ricevitore dalla centrale in modo da poter essere interrogato e generare risposta.

Questa è un pò una provocazione, solo per farti capire che il sistema di allarme perfetto non esiste e va valutato con attenzione per ogni singolo caso.
Se vuoi valutare la soluzione più adatta a te, oppure avere una valutazione sul sistema che già possiedi, noi siamo disponibili :)